Logo scuola

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore
"Cataldo Agostinelli"
Via Ovidio s.n.
Ceglie Messapica

Home

Simbolo della Republica Italiana

DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Francesco Caramia

PROPOSTE-IPOTESI EMERSE DAL PROGETTO DI
AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO

INTRODUZIONE

La presente relazione, risultato finale del progetto di Autovalutazione d'Istituto, intende essere uno stimolo alla riflessione su alcuni aspetti che potrebbero potenziare l'attività dell'Istituto "Cataldo Agostinelli" di Ceglie Messapica. Si tratta di proposte-ipotesi per il futuro che vengono presentate all'attenzione del Dirigente Scolastico affinché le possa utilizzare nella maniera che più riterrà opportuna.

Questa relazione nasce alla luce di un questionario-guida, elaborato in precedenza dal Gruppo di lavoro del progetto e presentato ai docenti tramite una circolare del D.S.

Tale guida operativa è stata elaborata alla luce del Questionario di Sistema proposto dall'INVALSI nel corso dello scorso anno scolastico.

Le proposte che seguono sono il frutto del confronto di idee operato all'interno del lavoro della Commissione che ha dato vita al progetto.

Ma sono anche il risultato del lavoro personale di approfondimento di ogni singolo componente.

Ogni docente, infatti, oltre che con la sua esperienza umana e professionale, ha contribuito al confronto di idee anche attraverso ciò che, in questi mesi, ha potuto leggere su giornali, riviste, libri e consultando i siti WEB dedicati al mondo della Scuola.


ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

Negli ultimi tre anni, l'Istituto statisticamente è cresciuto come numero complessivo di studenti, docenti, e personale Ata. Tutto ciò va attribuito al proficuo lavoro profuso da tutte le componenti dell'Istituto Tutto ciò è sicuramente un risultato molto importante, soprattutto se si tiene conto che diversi istituti scolastici della provincia di Brindisi (e non solo di questa provincia) vivono la difficile situazione del calo delle iscrizioni, dovuta anche al calo delle nascite e ad un prevalere, sempre di più , della popolazione anziana.

Ed è proprio tale considerazione che ha spinto il Gruppo di lavoro del progetto di Autovalutazione a formulare le proposte che seguono, al fine di far crescere sempre di più il nostro Istituto.

Attualmente le aree per le quali sono stati nominate le funzioni obiettivo, coordinatori o docenti referenti coprono un ampio ventaglio di settori della vita scolastica.

Queste aree riguardano tutta la vita dell'Istituzione Scolastica. Il Gruppo di lavoro ritiene che sia valutata la possibilità per il futuro di introdurre anche un nuovo ruolo all'interno dell'Istituto: l'addetto stampa. Si tratterebbe di incaricare un docente o una docente che curi i rapporti con il mondo dei mass media.

L'Istituto ha già un buon rapporto con i media, ma avere una figura che porti avanti tale rapporto in maniera sistematica potrebbe essere una buona cosa per l'Istituto.

Avere costanti e proficui rapporti con il mondo dei media per una Istituzione scolastica, come d'altro canto per qualunque istituzione, è di fondamentale importanza.

Soprattutto in considerazione del fatto che, oggi più che mai, è importante, anche ai fini dell'iscrizione degli alunni, far conoscere al territorio le attività svolte.

Collaborano ed hanno collaborato con l'Istituto diversi esperti ed operatori esterni. Questo anche per via dei progetti POR (ex terza area) che gli Istituti professionali attuano.

I settori cui appartengono gli esperti e gli operatori coprono un ampio ventaglio della vita economica e sociale.

La presenza degli esperti e degli operatori porta sempre nuova linfa alle conoscenze e alle attività ed è proprio per questo che si ritiene importante che in futuro l'Istituto potenzi sempre più tali collaborazioni.

Attualmente le attività dell'istituto vengono promosse e fatte conoscere grazie al lavoro di Orientamento e di Continuità ; grazie al sito WEB dell'Istituto; grazie alla pubblicazione del giornale on-line (frutto di un apposito progetto); grazie ai rapporti che l'Istituto intrattiene con il mondo dei media; grazie a manifesti diffusi nelle varie città e a depliant diffusi nelle scuole.

Negli anni scorsi è stato diffuso nelle scuole anche un giornale sotto forma cartacea (frutto di un apposito progetto).

In aggiunta alle attività esistenti, sempre ai fini della promozione delle attività dell'Istituto, il Gruppo di Autovalutazione ritiene sia valutata la possibilità di indire, periodicamente, delle conferenze stampa coordinate dall'addetto stampa anzidetto) e di arricchire dal punto di vista grafico i depliant diffusi nelle scuole ed i manifesti che vengono affissi nelle città .

In particolare, potrebbe essere utile pensare a forme grafiche che siano particolarmente vicine alla mentalità degli studenti di scuola media di primo grado.


ORGANIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO

Attualmente le forme prevalenti con le quali vengono coordinate nell'Istituto le attività didattiche sono i consigli di classe e le riunioni per gruppi disciplinari. Talvolta ci sono incontri anche per classi parallele.

In aggiunta a queste forme potrebbe essere utile prevedere in futuro gruppi di lavoro tematici.

Si tratterebbe, in sostanza, di una forma di coordinamento che prenderebbe in considerazione delle tematiche comuni a diverse discipline.

Una sorta di tematica trasversale ritenuta importante per la formazione degli studenti.

In questa prospettiva si tratterebbe, evidentemente, di trattare argomenti basati o su valori universali o relativi e metodologie comuni a più discipline.

Sempre in prospettiva futura si potrebbe prendere in considerazione anche la possibilità di riunioni di gruppi di ricerca e sviluppo didattico.

Le attività di recupero vengono svolte attraverso i Corsi di recupero, gli sportelli didattici e la pausa didattica.

Oltre a queste attività , per il futuro, si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di adottare anche forme di recupero tramite Internet, nel senso di utilizzare il sito dell'Istituto per fornire agli studenti materiale utile dal punto di vista didattico e metodologico: appunti, schemi, mappe concettuali ed altro materiale utile da scaricare liberamente.

In prospettiva, si potrebbe prendere in considerazione anche la possibilità di adottare forme di E-Learning e autoformazione.

Stesso discorso potrebbe essere fatto anche per le attività di potenziamento degli studenti.

Utile potrebbe essere anche l'incentivazione degli incontri culturali periodici per gli studenti, con la presenza di relatori esperti su argomenti particolarmente sentiti dai giovani.


GESTIONE STRATEGICA

Attualmente i bisogni formativi degli alunni vengono rilevati soprattutto attraverso le prove iniziali d'inizio anno, attraverso l'osservazione diretta, l'attività di accoglienza e le informazioni fornite dalle scuole di provenienza. In aggiunta a quelli esistenti, per il futuro, si propone che sia valutata la possibilità di adottare anche i seguenti strumenti: analisi del territorio, questionari alle famiglie, questionari specifici, iniziative con le famiglie.

Le iniziative prevalenti di comunicazione con le famiglie sono i colloqui nel corso del primo e secondo quadrimestre.

Ci sono poi colloqui personali su appuntamento; comunicazioni scritte; incontri nei con sigli di classe, incontri richiesti dalla scuola per situazioni particolari o per iniziative particolari.

Per il futuro si propone che sia presa in considerazione la possibilità di articolare in modo diverso i colloqui quadrimestrali.

Si propone, inoltre, allo scopo di potenziare la comunicazione con le famiglie, che sia valutata la possibilità che i rappresentanti dei genitori nei consigli di classe comunichino l'andamento generale della classe agli altri genitori anche in forma sintetica scritta.

L'Istituto ha rapporti sia con le Istituzioni del territorio che con il mondo del lavoro.

A tale proposito, a titolo di esempio, si possono citare gli "stage" che gli alunni degli Istituti Professionali compiono presso le aziende e le istituzioni del territorio.

Per il futuro si propone che sia presa in considerazione non solo la possibilità di potenziare sempre più gli "stage"e le visite in azienda, ma anche le iniziative di alternanza scuola-lavoro.

A tale proposito, si propone, inoltre, sempre in prospettiva futura, di valutare la possibilità di costituire una gruppo di lavoro, che collabori con la Funzione Obiettivo specifica ed i tutors per l'organizzazione e la gestione degli "stages".

L'Istituto intrattiene collaborazioni soprattutto con le Università (soprattutto per l'orientamento in uscita) e con alcune scuole medie con le quali ha stipulato dei protocolli d'intesa.

Per il futuro si propone che sia presa in considerazione la possibilità che l'Istituto allarghi la sua collaborazione con le altre istituzioni scolastiche attraverso la partecipazione a reti di scuole finalizzate allo svolgimento, per esempio, delle seguenti attività : progettazione didattica, formazione e aggiornamento, ricerca e sperimentazione, ecc.

Attualmente l'Istituto usa le tecnologie informatiche per la gestione delle iscrizioni, la gestione del personale, l'organizzazione della didattica, la gestione dell'insegnamento. Le nuove tecnologie informatiche sono utilizzate anche come strumenti didattici e formativi.

Per il futuro si propone che sia presa in considerazione la possibilità di potenziare l'uso delle tecnologie informatiche per la gestione della comunicazione con le famiglie ed il territorio.

Alcuni istituti, per esempio, comunicano con le famiglie degli alunni anche tramite gli SMS o le E-mail.

Si propone, inoltre, che sia presa in considerazione la possibilità di potenziare l'uso delle tecnologie informatiche anche per arricchire il "database" relativo all'andamento didattico degli alunni.

Sempre in prospettiva futura, sarebbe importante valutare la possibilità che il sito WEB dell'istituto possa essere utilizzato per documentare le attività didattiche, formative ed educative dell'Istituto.

E' già in progetto di affiancare il sito statico con uno dinamico (tipo php o wiki) per dare maggiore possibilità di interattività .

Con la collaborazione degli alunni si potrebbero aggiungere attività di chat; audio da diffondere in podcasting; web radio (sul modello di quelle già sperimentate in alcune università ); link a piattforme e-lernaing (ce ne sono alcune "open source" interessanti).

A questo si potrebbe affiancare - con le dovute attrezzature e qualche competenza esterna - anche una web tv.

Circa i progetti, l'Istituto propone per gli alunni già un'ampia gamma di possibilità formative che spaziano in diversi settori.

Una novità potrebbe essere l'attuazione di progetti direttamente gestiti dagli alunni, al fine di consentire loro di maturare una maggiore capacità organizzativa. Si potrebbe valutare, inoltre, anche la possibilità di attuare progetti di sperimentazione didattica.


MONITORAGGIO, VALUTAZIONE, MIGLIORAMENTO.

E' importante tenere costantemente sotto controllo il fenomeno della dispersione scolastica. Per questo è fondamentale l'opera di prevenzione delle Istituzioni scolastiche, anche nei casi in cui il fenomeno rientra nella media nazionale. L'Istituto "Agostinelli", proprio nella consapevolezza dell'importanza della prevenzione, ha dato vita ad alcune iniziative educative, come, per esempio, il progetto POR della misura 3.6 intitolato "Insieme con e per il territorio" e il progetto POR, in partenariato con il Comune di Ceglie Messapica, " 3 D Disagio, Dispersione, Discontinuità ".

Nell'ottica della prevenzione della dispersione scolastica si collocano anche altri progetti promossi dall'Istituto.

Per il futuro, quindi, si ritiene importante proseguire sulla strada della realizzazione di progetti mirati alla prevenzione della dispersione, privilegiando come tematiche quelle immediatamente legate agli interessi dei giovani, come l'informatica, l'ambiente, lo sport, ecc.

Relativamente al Gruppo di Autovalutazione , attualmente, è composto di soli docenti, rappresentanti i diversi indirizzi scolastici dell'Istituto.

Si propone di prendere in considerazione la possibilità che per il futuro tale gruppo di lavoro possa essere allargato, sempre alla luce delle direttive del Dirigente Scolastico, anche al personale Ata, ai genitori, agli alunni ed eventualmente anche a degli esterni esperti in materia.

Infine, per quanto concerne un possibile gruppo di lavoro che coadiuvi la Funzione Obiettivo nell'attività di rilevazione dello stato di avanzamento del POF nel corso dell'anno si propone di prendere in considerazione la possibilità che possa essere composto da un docente rappresentante di ogni plesso dell'Istituto, che operi da raccordo con la Funzione Obiettivo, e da un rappresentante del personale di segreteria.


CONCLUSIONI

La presente relazione, volutamente sintetica per essere più agevole nella lettura, contiene delle proposte-ipotesi che per tradursi in azioni concrete devono evidentemente trovare l'ampio consenso di tutte le componenti dell'Istituzione Scolastica.

Le proposte formulate hanno il solo obiettivo di portare un contributo alla riflessione sulle possibilità che il nostro Istituto ha di potenziare maggiormente la sua azione didattica, educativa e formativa, alla luce anche dei lusinghieri risultati sinora conseguiti.

La stessa azione di Autovalutazione d'Istituto, evidentemente, va potenziata - così come suggerito in precedenza - prevedendo per il futuro nuove forme operative.

La speranza, quindi, è che le proposte formulate in questa relazione, eventualmente riviste, riformulate in altro modo o arricchite nelle sedi competenti, possano in futuro portare dei buoni frutti per tutto l'Istituto.

prof. RUGGIERO LORENZO (coordinatore)
prof. ELIA COSIMO
prof. FLORE VITO
prof. SALONNA MICHELE
prof. ZITO MARIO

Valid HTML 4.01 Transitional                                   Indietro